30 Dicembre 2020

La parola "donna" è già occupata

Condividi questo articolo

‘Persone che mestruano’: Sono sicura che esiste un termine per queste persone”. Con queste parole JK Rowling si è addentrata nel dibattito più febbrile della società contemporanea. Nemmeno il Covid-19 è servito per attenuare il furore della discussione sulle persone transgender. Mentre due visioni del mondo collidevano, alcune verità fondamentali che generazioni prima si consideravano indiscutibili sono state messe in discussione.

Cosa significa essere donna? Cos'è essere uomo? Come possiamo differenziarli? Da una parte c'è la fede nell’identità di genere, sentimento nelle nostre menti che spinge la natura e definisce il nostro vero genere: siamo il genere che crediamo di essere. Ma la creatrice di Harry Potter ha espresso un’opinione contraria. Secondo Rowling lei è donna non per una questione psicologica ma per la sua biologia, e si è sentita molto frustrata quando il suo sesso è stato relegato a “persona che mestrua”. Cento anni dopo che le donne hanno ottenuto il diritto di voto in molto paesi Rowling si è ritrovata coinvolta in una campagna che le suffragette non avrebbero potuto mai immaginare: una battaglia per conservare il proprio nome di ‘donna’.

La risposta è stata prevedibile e brutale. Man mano che gli attori diventati famosi grazie ai suoi libri si allontanavano di lei, Rowling è diventata l’obiettivo di una campagna paragonabile a una caccia alle streghe dei nostri tempi. Le donne che hanno affermato a viso aperto che la parola donna appartiene a loro e soltanto a loro hanno dovuto far fronte ad un’opposizione rumorosa e talvolta violenta. Alle vibranti proteste che contro la femminista canadese Meghan Murphy che teneva una conferenza nella biblioteca pubblica di Seattle ai primi di febbraio sono seguite quelle per l'incontro organizzato dal gruppo Woman’s Place UK a Brighton in autunno. Le donne sono state attaccate, altre hanno perso il lavoro. La furia si scatena perché se le donne si definiscono in base alla loro biologia le donne trans si sentono escluse dalla femminilità. Per le donne trans che vogliono disperatamente essere considerate vere donne, questo significa un rifiuto esistenziale.

Per me questa è una faccenda personale. Sono una una donna trans perciò, è la mia identità quella che viene rifiutata. Ma sono anche un’insegnante di Scienze nelle scuole superiori e so riconoscere il pensiero magico quando lo vedo. Le donne trans sono uomini –certamente io lo sono, visto che sono padre di tre figli- mentre le donne sono donne. Le persone-uomini non sono persone-donne, pertanto le donne trans non sono donne. Qualunque siano le emozioni che si muovono in questo dibattito, JK Rowling ha ragione. Quando feci la mia transizione otto anni fa la posizione di Rowling non avrebbe creato alcuna polemica. Noi transessuali –così eravamo chiamati prima- cambiavamo il nostro corpo per assomigliare al sesso opposto e per reintegrarci nella società facendo il minor rumore possibile. Chi di noi occupava un incarico pubblico si rendeva conto che questo non era un fattore decisivo. Perché avrebbe dovuto esserlo? Noi insegnanti, donne e uomini, facciamo lo stesso lavoro e la mia transizione non interferiva né con le leggi del movimento di Newton né con nessun altro argomento dei quali mi occupo in quanto insegnante. Ma conto su relazioni di fiducia con le persone del mio ambiente. Altri uomini si sentono a loro agio presentando se stessi in abiti femminili senza cambiare i loro corpi. Ma nessuno ha mai pensato che i travestiti –così erano considerati questi uomini non trasformati- fossero donne.

Cosa è cambiato? Come mai questi due gruppi –un piccolo numero di transessuali e un numero più ampio di travestiti- sono diventati un movimento transgender in gtado di mettere in discussione l’uso del sesso biologico per classificare la società? Tra i leader politici che volevano mostrarsi progressisti -o si disinteressavano della questione- e una popolazione che non ne sapeva nulla, si è cominciato a fare nuove leggi e sono si sono cambiate alcune politiche seguendo le indicazioni degli attivisti transgender interessati a queste innovazioni. Man mano che genere e sesso sono stati fusi, l’ identità di genere ha sostituito silenziosamente il sesso nelle politiche e nelle leggi. Abbiamo potuto scegliere non soltanto il nostro genere ma anche il nostro sesso legale, con conseguenze devastanti per i diritti delle donne. Come ha detto Kiri Tunk, fondatrice del gruppo Woman’s Place UK: “Se non puoi definire cosa è una donna, come puoi difendere i diritti delle donne?” (...)

Debbie Hayton, donna trans, insegnante di scuola superiore nel Regno Unito e columnist (traduzione di Eva Martínez Manzana). L'originale lo trovate qui.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
5 Giugno 2023
Los Angeles: randelli queer sulle famiglie
Padri e madri che manifestavano pacificamente contro l'evento del Pride organizzato nella scuola dei loro bambini -asilo ed elementari- sono stati aggrediti fisicamente con pugni e mazze da baseball da militanti Lgbtq+ e Antifa. In California non puoi più decidere nulla sull'educazione dei tuoi figli
Le immagini che vedete vengono da Los Angeles, dove venerdì scorso un gruppo di genitori ha protestato contro un evento organizzato a scuola in occasione del Pride LGBTQ e destinato ai bambini dell’asilo e delle elementari. Un gruppo di estremisti di sinistra sono sopraggiunti a disturbare la manifestazione e hanno aggredito i genitori con mazze da baseball e pugni, dando inizio a una rissa violenta che è finita solo dopo l’intervento della polizia. Alla vigilia dell’"assemblea PRIDE" organizzata alla Saticoy […]
Leggi ora
4 Giugno 2023
SI' ALLA LEGGE ITALIANA SULL'UTERO IN AFFITTO REATO UNIVERSALE: L'APPELLO DI TUTTE LE MAGGIORI RETI ABOLIZIONISTE MONDIALI
CIAMS, STOP SURROGACY NOW, FINRRAGE, LA JAPAN COALITION e altre associazioni. E insieme a loro figure eminenti del femminismo internazionale come SYLVIANE AGACINSKI, GENA COREA e PHYLLIS CHESLER. Che unitamente a noi chiedono ai parlamentari italiani di approvare la legge che il prossimo 19 giugno approderà alla Camera
Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile, Radfem Italia, FINAARGIT (Rete femminista internazionale contro ogni riproduzione artificiale, ideologia gender e transumanesimo) condividono da sempre l'obiettivo dell'abolizione universale dell'utero in affitto. Insieme sosteniamo la proposta di legge sulla maternità surrogata che il prossimo 19 giugno andrà in discussione alla Camera, che estende la punibilità della pratica anche qualora realizzata in uno Stato estero e che costituisce un deciso passo avanti in direzione dell'abolizione universale, offrendo -qualora approvata- un modello per altre legislazioni […]
Leggi ora
30 Maggio 2023
Spagna: anche il sesso woke tra le ragioni della fine di Podemos
Ley Trans. Legge “solo sì è sì” che ha ridotto le pene ai criminali sessuali. E ora anche un Manifesto per l’educazione sessuale per tutt* che mette a rischio la sicurezza di bambine e bambini. Lo spirito è sempre lo stesso: una sessualità queer promossa dalla ministra uscente Irene Montero. Che però a quanto pare elettrici ed elettori non gradiscono. Un’analisi della docente Juana Gallego, femminista colpita dalla cancel culture
Alle elezioni amministrative di ieri in Spagna la sinistra ha rovinosamente perso -come in Italia, del resto. In particolare si è registrata la bruciante sconfitta di Podemos che in molte regioni arriva quasi a estinguersi. Nelle analisi sul voto spagnolo forse non si dà sufficiente rilievo a due leggi-manifesto di Podemos, e in particolare della ministra transfemminista Irene Montero: la legge “Solo sì è sì”, che ha ridotto le pene per i crimini sessuali, e la Ley Trans, che ha […]
Leggi ora
22 Maggio 2023
Transgender: la vittoria del Puer Aeternus
Evoluzione dell’unisex che lottava contro gli stereotipi di genere, il fenomeno “gender” tra le/gli adolescenti esprime il tentativo di sottrarsi al debito-onere biologico e il bisogno di sentirsi disimpegnati rispetto alla natura matrigna. Ma il transgender non è affatto artefice di sé stesso: semmai è succube di uno “spirito” totipotente che schiavizza mente e psiche. E il movimento gay che sostiene la simulazione puerile non vede che è proprio l’identità omosessuale a far la fine peggiore
L’ideologia transgender va oltre la rivendicazione transessuale della costruzione del sesso mediante sottrazione o addizione di qualcosa a partire da una matrice, perché contesta l’esistenza stessa del maschio e della femmina, e soprattutto della seconda, rendendo il genere femminile un prodotto di norme educative, bricolage o artigianato fai da te, negozio di estetica, laboratorio chimico, tavolo chirurgico. Entrambe si appellano alla “verità” della creazione onnipotente dei sessi, destituiti di effettiva realtà. Le giovani donne in particolare sono purtroppo terreno fertile […]
Leggi ora
15 Maggio 2023
Jama: quando gli uomini partoriscono
In un incredibile studio di recente pubblicazione la rivista dell’American Medical Association, tra le più importanti del settore, prova a dare fondamento scientifico all’idea che il parto non sia un’esperienza solo femminile. Perché se fosse esclusiva sarebbe anche escludente. Un’operazione sul linguaggio in colluttazione con la realtà
Come si sa ci sono parole che non si possono più utilizzare soprattutto nei documenti e negli studi scientifici internazionali. In cima all'elenco delle parole tabuizzate tutti i termini che hanno a che vedere con la differenza femminile intesa come possibilità esclusiva di mettere al mondo esseri umani, e dunque: "donna" -se biologicamente intesa e non aperta a definire persone non nate donne-, "madre" e "materno", "seno", con riferimento all'allattamento e così via. L'operazione sul linguaggio ha l'obiettivo di qualificare […]
Leggi ora
13 Maggio 2023
Nelle norme contro la violenza sulle donne si parli di sesso e non di "identità di genere": lettera aperta al Parlamento Europeo
La violenza contro le donne non si potrà contrastare se i testi di leggi e trattati non faranno chiaramente riferimento al sesso e non al “genere”. Ci uniamo a gruppi femministi e gender critical in un appello ai parlamentari europei che si esprimeranno sulla proposta antiviolenza della Commissione: scrivete chiaramente nel testo che le donne e le ragazze sono le persone di sesso femminile e non lasciate alcuno spiraglio alla gender ideology
Anche noi abbiamo sottoscritto la lettera alla Commissione europea sulla lotta alla violenza contro le donne e agli abusi domestici redatta da WORIADS, coalizione di cittadine-i gender critical che ha l’obbiettivo di informare e sensibilizzare le istituzioni europee sui pericoli dell’identità di genere. La lettera chiede che le norme europee sulla violenza contro le donne riconoscano chiaramente la categoria del sesso biologico. Riportiamo a seguire il testo completo che sarà inviato ai membri del Parlamento Europeo che si esprimeranno sulla […]
Leggi ora